Il sale di Cervia in omaggio a Papa Francesco

30 Novembre 2016

 

Mercoledì 30 novembre i salinari cervesi insieme al Sindaco di Cervia Luca Coffari saranno a Roma per omaggiare Papa Francesco del sale di Cervia richiamando l’antica tradizione che per oltre quattro secoli vide i salinari cervesi affrontare un lungo e pericoloso viaggio a dorso di mulo per portare questo prelibato prodotto in Vaticano, dove serviva per la mensa pontificia e per i battesimi nella città di Roma. Iniziata quando il cardinale Pietro Barbo (diventato poi papa Paolo II) divenne vescovo di Cervia nel 1444, la tradizione si interruppe nel 1870, in seguito agli eventi della breccia di Porta Pia, che bloccarono i rapporti diplomatici tra il Vaticano e l’allora giovane Regno d’Italia. Il cardinale Pietro Barbo aveva pensato di inviare il salfiore a papa Eugenio IV (al secolo Gabriele Condulmer, zio del Barbo per parte di madre) per ringraziarlo della nomina a Vescovo di Cervia, allora ricca diocesi (proprio per la produzione del sale) dello Stato Pontificio. La tradizione della consegna del sale in Vaticano è ripresa, dopo oltre 130 anni di sospensione, nel 2003, grazie anche all’interessamento del cervese monsignor Mario Marini.

 

E'  in programma  un viaggio a Roma in pullman  di due giorni il 29 e 30 novembre  con giornata del 29 a Rieti  e del 30 a Roma per essere presenti al momento della consegna del sale al papa. Se siete interessati potete chiedere info a Oscar Turroni 3389507741

 

 

Torna indietro